Calcio. La Juventus (volutamente) continua a sbagliare la grafica allo Stadium

Aggiornata la grafica dell’Allianz Stadium: per i bianconeri i titoli sono 37, nonstante Calciopoli...

Gli scudetti della Juve, la Figc fa lo struzzo“, ha titolato il quotidiano Libero alcuni giorni fa. Dopo l’aggiornamento della grafica fuori allo stadio della Juventus a Torino dove sono stati riportati 37 scudetti vinti dalla Signora, anziché i 35 riconosciuti dalla Figc.

Per i bianconeri i titoli sono 37 gli scudetti vinti sul campo e nel giorno della festa scudetto il giornalista di Mediaset, Maurizio Pistocchi, rinfocola la vecchia polemica sul numero effettivo degli scudetti vinti: 37 come scrivono all’Allianz Stadium, ma sono 35 se si tolgono quelli tolti dalla Giustizia Sportiva.

Pistocchi provoca e scrive su twitter:

“In quale paese la Federazione consente l’esibizione di scudetti revocati per illecito? 1.Congo di Mobutu 2.Rep. Centrafricana di Bokassa 3.Italia? Gli Scudetti della Juventus sono 35”.

Immediato il contrattacco dei tifosi bianconeri:

“Le vittorie juventine le provocano profondi e laceranti bruciori di stomaco. Cerchi di preservare il suo fegato: glielo suggerisco per la sua incolumità. Da un OTTimista 37 volte Buona Pasqua”

 

C’è chi mette l’Inter nel mirino:

“L’illecito non lo ha commesso la Juventus, ma l’Inter e Guido Rossi...” o anche: “Signor Pistocchi, finché l’Inter ostenterà il “suo” scudetto a dir poco ridicolo nonché vergognoso, noi Juventus rivendicheremo i nostri successi ottenuti sul rettangolo verde”.

 

Francesco Perugini ha scritto:

“Sono passati quasi 7 anni dalla prima volta, ma poco è cambiato. Tranne il conteggio, ovviamente, perché quello viene aggiornato con costanza più o meno ogni dodici mesi. E quindi rieccoci qui, a discutere tra i 37 scudetti rivendicati dalla Juve e i 35 del conteggio ufficiale post-Calciopoli.

Già, ma ufficiale per chi? Per la Figc che però continua ad assistere inerme e impotente alle rivendicazioni della Signora”.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato il 28 Aprile 2019
Categorie
AttualitàCalcioCategorieDiritti e GiustiziaItaliaSport

Articoli correlati