Fondi per i musei campani: presente anche Terzigno

La Regione Campania ha approvato le graduatorie per l’assegnazione dei contributi a istituzioni museali di enti locali e di interesse locale. L’avviso pubblico per l’accesso ai contributi risale all’ottobre scorso. I...

La Regione Campania ha approvato le graduatorie per l’assegnazione dei contributi a istituzioni museali di enti locali e di interesse locale. L’avviso pubblico per l’accesso ai contributi risale all’ottobre scorso. I fondi dovevano essere assegnati ad attività e servizi finalizzati allo sviluppo e valorizzazione dei musei.

Idonei il Museo della Bussola di Amalfi, il Museo Irpino e il Museo Civico di Maddaloni; fondi, inoltre, vanno ai Comuni di Caserta, Ravello e Capodrise (solo parzialmente), ai musei Correale di Terranova a Sorrento, a quelli napoletani del Tesoro di San Gennaro a Napoli e il Cantastorie, a quello del Pio Monte della Misericordia, all’Archivio storico del San Carlo e delle Arti Sanitarie e della Storia della Medicina.

In graduatoria per ricevere il finanziamento anche il Museo Emblema di Terzigno.

 

FONDI PER I MUSEI DELLA CAMPANIA: ECCO GLI IDONEI:

Sono risultati idonei alla graduatoria i seguenti musei:

  • Museo della Bussola di Amalfi,
  • Museo Irpino e il Museo Civico di Maddaloni,
  •  Correale di Terranova a Sorrento,
  • Emblema di Terzigno,
  • Tesoro di San Gennaro a Napoli e il Cantastorie,
  • Archivio storico del San Carlo,
  • Mediateur Scarl di Cava,
  • Coop Ideas di Benevento,
  • CP Storia della resistenza di Napoli.

I musei esclusi:

  • Museo Joe Petrosino di Padula,
  • L’ Antiquarium di Roccagloriosa,
  • Insteia di Polla,
  • Museo della Diocesi di Teggiano.

 

 

 

Fonte: Infocilento

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato il 24 Marzo 2019
Categorie
CulturaNewsRLocalTerzigno

Articoli correlati