Jeans: la moda si diffonde a San Francisco, ma tutto nasce in Italia

Denim è sinonimo di stile e nel corso degli anni i pantaloni associati a questo nome non hanno mai perso il loro fascino, anzi, continuano a spopolare, trasformandosi da semplice...

Denim è sinonimo di stile e nel corso degli anni i pantaloni associati a questo nome non hanno mai perso il loro fascino, anzi, continuano a spopolare, trasformandosi da semplice capo d’abbigliamento ad icona mondiale. Tutti collegano il brand alla moda U.S.A. , ma sono in pochi a sapere che  i Jeans nascono a Genova nel XVI secolo, e solo a fine ‘800 raggiungono San Francisco dove nel 1873 viene avviata la prima produzione dei Blue Jeans.

Pensati originariamente come capo da lavoro, negli anni hanno conquistato il pubblico mondiale. La moda ha trasformato i pantaloni di jeans in uno dei capi d’abbigliamento più indossati al mondo. Non cambia il tessuto negli anni, ma il modo di indossarlo ed il design sono cambiati drasticamente negli anni, si è passati infatti dai famosi Jeans che riprendevano la “zampa di elefante”, icona del mondo hippy degli anni Settanta, passando poi per la cultura hip-hop americana degli anni Novanta che preferiva pantaloni larghi e indossati sotto la vita, giungendo poi agli anni Duemila con la moda della nuova generazione che prevedeva lunghi solchi e squarci sulla superficie dei pantaloni, fino ad arrivare ai giorni nostri con i super “skinny” aderenti al corpo e al contestatissimo, ma sempre di moda, risvoltino alla caviglia.

Print Friendly
Pubblicato il 11 maggio 2018
Categorie
Curiosità

Articoli correlati