Esperimento sociale: coniata una nuova moneta da 40 centesimi.

IL World Food Programme dell'Onu ha coniato e diffuso una moneta da 40 centesimi, con l'intento di spiegare, quanto una semplice moneta possa far cambiare vita.

Il grattacielo Unicredit a Milano (fonte:web)

La moneta ha un aspetto simile ai tagli tradizionali ma non esiste per davvero. Le donazioni possono avvenire attraverso i nostri smartphone, infatti lo slogan scelto dall’agenzia dell’Onu è: 

“Ogni persona con uno smartphone può cambiare la vita di un bambino”. 

Lo scopo è far riflettere quanto il costo di un caffè, a parer nostro insignificante, dall’altra parte del mondo possa assicurare il diritto alla vita . L’esperimento sociale ha raggiunto un gran successo, un percorso iniziato nel 2016 con l’App ShareTheMeal, pensata proprio per facilitare l’offerta di un pasto, con un semplice click!

Gli organizzatori hanno interrogato alcuni passanti nel centro di Milano, sul valore d’acquisto di una moneta da 40 centesimi, nessuno avrebbe mai immaginato la sua grandezza.

Grazie ad uno smartphone e ad un’app si possono salvare dalla fame milioni di persone, come è già stato fatto in Yemen, Siria, Sudan, il Bangladesh, l’Uganda e la Nigeria.

Come riporta La Stampa, “Ogni persona con uno smartphone può cambiare la vita a un bambino” è lo slogan dell’agenzia delle Nazioni Unite che ha lanciato la campagna.

Cosa si compra con 40 centesimi? La domanda è stata fatta anche a Milano, nel corso di un esperimento sociale. Un click sullo smartphone perché il numero di dispositivi presenti nel mondo è circa 20 volte quello dei bambini affamati. «ShareTheMeal è nata proprio per questo motivo – racconta il direttore Massimiliano Costa – per combattere la fame attraverso l’innovazione». In due anni più di un milione di persone hanno aderito al progetto offrendo oltre 22 milioni di pasti. In un futuro prossimo potrebbero essere coinvolti ed aiutati anche altri Paesi.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato il 22 Aprile 2018
Categorie
AmbienteAttualitàDiritti e GiustiziaEconomiaEsteriGLobalNews

Articoli correlati