La disinformazione alimentare è letale

La notizia della morte della donna di 57 anni in seguito ad una dieta drastica ha riacceso i riflettori sul tema dell’alimentazione, dei falsi miti e della disinformazione. La...

I rischi dell'acqua.

La notizia della morte della donna di 57 anni in seguito ad una dieta drastica ha riacceso i riflettori sul tema dell’alimentazione, dei falsi miti e della disinformazione. La donna, affetta da sclerosi multipla, si era rivolta ad un famoso medico di Perugia con l’intento di perdere peso. Aveva così iniziato la digiuno terapia, una dieta che prevede solo l’assunzione di acqua, per tre settimane la donna ha seguito il regime imposto dal dottore ed era riuscita a perdere fino a 10 kg. Un risultato molto forte e invidiabile se non fosse che negli ultimi giorni ha accusato un malore che l’ha portata fino alla morte. In seguito alla denuncia fatta dal marito,  è partita un’inchiesta per omicidio colposo, l’obiettivo è verificare se sussiste una causalità tra la dieta e la morte della donna.

L’alimentazione, quella corretta, è un argomento molto complesso su cui anche gli studiosi hanno opinioni contrastanti ed è difficile fare chiarezza. Spesso con l’obiettivo di perdere peso si provano le diete più disparate, soprattutto quelle fai da te che provocano problemi al metabolismo e si trasformano in veri e propri disturbi. La situazione diventa allarmante quando ci si rivolge ad un medico e si finisce ugualmente per rimetterci la salute e nel peggiore dei casi la vita.  Nel caso della donna i disturbi sarebbero connessi all’eccessiva assunzione di acqua. Per anni siamo stati educati all’idea che bere molta acqua aiuti l’organismo in termini di energia e depurazione da tossine ma solo da poco sappiamo che anche berne molta produce effetti negativi e danni per la salute. Le conseguenze sono davvero tante, si altera l’equilibrio elettrolitico del corpo e il ciclo sodio-potassio, le cellule cerebrali tendono a gonfiarsi portando a convulsioni, coma e morte e inoltre aumenta la predisposizione a malattie cardiovascolari. 

Non c’è un quantitativo preciso di acqua da assumere durante il giorno come non esiste una dieta che vada bene per tutti e che produca gli stessi effetti su tutte le persone che vi si sottopongono. Bisogna fare attenzione quando a rischio è la nostra salute, rivolgersi a medici competenti e professionali e soprattutto non affidarsi al primo arrivato o fare da sè. L’importante in termini di alimentazione e perdita di peso è la prevenzione, bisognerebbe essere istruiti alla corretta alimentazione, conoscere e studiare gli effetti negativi e positivi connessi al cibo e alle bevande.

Print Friendly
Pubblicato il 10 giugno 2017
Categorie
AttualitàCulturaItaliaSalute

Articoli correlati