Pericolo guanti e mascherine: possono creare un falso senso di sicurezza

Essenziali nella lotta contro la pandemia, ma nel loro utilizzo si cela un pericolo

Avvicinandoci alla “Fase 2” dell’emergenza Coronavirus, un loro errato utilizzo, in aggiunta ad un falso senso di sicurezza che mascherine e guanti possono infondere nella gente comune, può aumentare il rischio di essere infettati e vanificare gli sforzi della prima fase di isolamento sociale. 

Ed è così che diventa assolutamente necessaria una corretta informazione per far sì che, con l’aumento della mobilità e dei contatti derivante dall’ormai prossimo allentamento delle misure restrittive, non ci si ritrovi a gestire nuovamente l’emergenza in situazione di criticità.

La mascherina che deve essere di tipo certificato, deve coprire bene il viso, ovvero naso e bocca  – raccomandano gli esperti – e non va messa sotto il naso perché così si respira meglio.

Inoltre, spiegano che “Con guanti e mascherina indossati  non vi è alcuna protezione automatica. Per questo motivo è utile pensare a questi come una seconda pelle, così, se ciò che tocchiamo con i guanti è infetto e poi ci si ritrova a toccarsi gli occhi, la bocca o il naso, il pericolo di essere infettati è assai concreto”.

Infine, raccomandano, se dopo aver toccato una superficie infetta si vanno a toccare altre superfici, anche queste possono infettarsi e contribuire alla diffusione del virus”.

Tanto varrebbe lasciare le mani scoperte, lavarle e disinfettarle spesso, non toccare nulla e stare attenti sempre a non toccarsi naso, occhi e bocca, soprattutto quando si è fuori casa. Per non portarsi involontariamente le mani al viso potrebbe essere utile l’uso di una maschera facciale che aumenta anche la protezione, in aggiunta all’uso di una mascherina su naso e bocca.

La Fase 2 si preannuncia cruciale nella battaglia contro il virus, tutti noi siamo chiamati a praticare, con il buon senso, il distanziamento sociale utilizzando i dispositivi di sicurezza nella maniera corretta.

 

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato il 24 Aprile 2020
Categorie
AttualitàCategorieMagazineNewsSalute

Direttore Responsabile Report Magazine e Report Napoli

Articoli correlati