Raccoglie rifiuti per pagarsi la prestigiosa università di Harvard

Il giovane Staton non si è arreso di fronte alle difficoltà della vita, si è rimboccato le maniche e ha trovato il modo per pagarsi gli studi: raccogliendo l’immondizia.

Frequentare l’università negli USA è molto costoso e molte famiglie risparmiano per un’intera vita per permettere ai figli di studiare. Rehan Staton sa bene quanto costi pagare le tasse universitarie, dal momento che ha dovuto sudare molto prima di poter realizzare il suo sogno. Per anni il giovane del Maryland ha lavorato duramente, non solo per ottenere i soldi necessari a iscriversi all’università, ma per aiutare la famiglia.

Rehan Staton ha raccolto rifiuti per molti anni, andando a lavoro ogni mattina prima di andare a scuola. La famiglia di Staton non è mai stata ricca, anzi, dopo la scomparsa della madre, il padre ha avuto molte difficoltà a far quadrare i conti e in molte occasioni il dissesto economico è stato così grave da non permettergli di fare la spesa. La situazione si è poi aggravata quando il padre ha avuto un ictus e il suo impiego a quel punto è diventato di fondamentale importanza per la famiglia.

Rehan, nonostante le difficoltà economiche, ha continuato a sognare l’università, sperando di ottenere una borsa di studio per meriti sportivi, dal momento che eccelleva nel pugilato. Un infortunio alla spalla ha però precluso anche questa strada. La sua grande tenacia e lo spirito di sacrificio hanno però permesso allo studente di riuscire comunque nel suo progetto, venendo ammesso alla facoltà di Legge più prestigiosa del mondo: Harvard.

Rehan è riuscito ad ottenere risultati tali da essere accettato non solo ad Harvard, ma anche alla Columbia University, alla Pepperdine University, alla University of Pennsylvania e alla University of Southern California. Un traguardo che ben pochi studenti riescono a raggiungere, dal momento che non è semplice essere ammessi in queste università.

La notizia ha fatto il giro del mondo e su GoFundMe è stata aperta una campagna di raccolta fondi per aiutare Rehan a mantenersi gli studi. In poco tempo sono stati raccolti più di 79mila dollari.

 

 

Ecco il testo tradotto della lettera pubblicata su Facebook dal fratello:

Una lettera aperta a mio fratello maggiore

È ovvio che non avrei mai pensato di essere accettato alla Harvard Law School. Lo trovo un po’ divertente perché c’è stato un tempo in cui tu eri l’unico a pensare che sarei andato al college. Pazzesco vero? Detto questo, è pazzesco come mi hanno chiamato di recente “fatto da solo”.

Se hai riso, lo so, mi ha fatto ridere anche tu. Tuttavia, il commento mi ha fatto non solo volere ringraziarvi, ma anche riflettere sulle porte che mi avete aperto.

Sappiamo entrambi che dopo che mamma ci ha abbandonati, le nostre vite sono diventate molto turbolenti. Ci stavo pensando oggi, ma non credo di aver mai capito come ti abbia costretto a crescere. Ricordo che in quarta elementare c’erano innumerevoli volte la nostra elettricità veniva tagliata e non avevamo molto cibo da mangiare. Vi ricordate che era l’anno in cui i miei insegnanti hanno cercato di mettermi nell’istruzione speciale per i miei cattivi voti? Come avrei dovuto concentrarmi nelle nostre circostanze? Dopo aver scoperto cosa stava succedendo hai iniziato a trovare un modo per procurarmi del cibo per non essere triste in classe. Non lo dimenticherò mai, nel terzo trimestre della quarta elementare ho fatto un rotolo d’onore per la prima volta da quando mamma se n’è andata. Anche se era una droga, ero così spento da scuola che ho festeggiato a malapena. A questo punto ero più entusiasta di avere più energia per allenarmi per lo sport.

Ricordi quando ero in quarta elementare e quell’estate ho corso un 1:52 per i 800 m dopo che ci siamo allenati tutta l’estate? È pazzesco perché ho anche iniziato con due secondi di ritardo! Tutti pensavamo che stessi per diventare un fenomeno e rompere i record.

Continuavo a dirvi che la USC mi darà un passaggio completo quando sarò all’ultimo anno. Continuavi a dirmi come avrei cambiato tutta la nostra vita una volta iniziata la stagione. Ma la vita ci ha fregato di nuovo. Quell’integratore proteico che ho preso per allenarmi di forza durante l’estate mi ha distrutto lo stomaco.

Il mio stomaco ha iniziato a rifiutare tutto quello che ho mangiato e ora prendevo i crampi solo camminando. Non potevamo nemmeno permetterci di farmi le cure mediche adeguate e ho dovuto accettare ciò che è successo. Non dimenticherò mai quel giorno in cui quella signora al fronte ufficio ha detto che ho mentito sul perché continuavo ad arrivare tardi a scuola.

Quando ti ho chiamato e ti ho detto che ha detto che ho mentito, non potevo credere a quanto velocemente sei arrivato a scuola e hai chiesto scusa e mi hai dato il mio biglietto. Anche se ci hanno cacciato fuori dall’edificio, mi sono sentita molto amata e protetta. Ma dopo che ce ne siamo andati, ho iniziato a pensare al mio povero stato fisico e ho iniziato a sentirmi come se fossi diventato un peso per tutti.

Ho iniziato a piangere e vi ho detto che odiavo me stesso per aver deluso tutti e che non sarò mai in grado di andare alla USC (o da nessuna parte). Ti sei fermato e mi hai detto: “Amico, smettila. Fermati. Prima non hai deluso nessuno, dobbiamo solo capire. Stai zitto e respira. Sei stato costruito in modo diverso, diventi sempre il migliore in tutto quello che fai. Non so dove sei diretto, ma so che sarà grande”.

Sono sempre stata grata per quello che hai detto. Tuttavia, non credo che tu abbia capito che la mia mente non mi avrebbe permesso di crederti.

Nel corso dell’anno successivo il mio corpo ha ricominciato a funzionare normalmente. Mi hai anche aiutato a sviluppare uno stile di combattimento che non ha aggravato quei crampi allo stomaco. Tutto quell’allenamento ha dato i suoi frutti e ho vinto molti campionati con una lunga striscia imbattuta. Alla fine, ci siamo allontanati dalle arti marziali e siamo passati alla boxe e mi abbiamo anche regalato un addestratore ben rispettato che ha addestrato due medaglie d’oro olimpiche. Tuttavia, ancora una volta la vita non mi ha tagliato una pausa.

Dopo aver ferito entrambe le spalle, ho dovuto smettere di litigare. Per aggiungere insulti all’infortunio, tutte le scuole a cui ho fatto domanda mi hanno negato. Hai cercato di sollevare il mio morale come sempre fatto. Stavolta niente ha funzionato. Non sono stato motivato a fare gran parte di niente oltre a mantenere il mio lavoro per aiutare papà. Ti darò il merito per esserti rifiutato di accettarlo, e quello che hai fatto dopo mi ha cambiato la vita per sempre.

Sapevi che papà aveva bisogno di aiuto con le finanze per tenere la nostra casa, e sapevi che se avessi continuato a lavorare, non sarei mai andato al college. Quando hai scoperto che ho incontrato un legame che poteva portarmi allo stato di Bowie, hai letteralmente abbandonato la scuola dopo il tuo secondo anno per poter avere la possibilità di ricostruire la mia vita.

Mi ricorderò sempre subito dopo il discorso di inizio, mi hai guardato negli occhi e mi hai detto: “Hai appena aperto la porta ad Harvard.” Ho detto: “Fratello, sei fuori di testa. La USC è comunque la scuola dei miei sogni.”

Dopo l’inizio, eravamo così entusiasti di tutte le diverse opportunità di lavoro che avevo messo in fila, e quando l’autore bestseller del New York Times si è connesso con me per aiutarmi a scrivere il mio libro. Ma come prima, ho letteralmente perso TUTTO dopo essermi ammalato estremamente nel maggio del 2019 e sono rimasto malato per il resto dell’anno.

Odio pensare al tempo in cui ho pianto a te dicendoti come faccio cadere sempre la palla, come trovo sempre un modo per fallire, come sono maledetto, e come qualcosa esce sempre completamente fuori dal blu e mi butta fuori pista. Mi ha ucciso pensare che nostro padre ha avuto un ictus cercando di mandarmi a scuola ed è stato vano. Ho lottato così duramente per tirarci fuori dalla povertà.

Tutto quello che ho fatto a scuola, l’ho fatto per avere una vita migliore. Comunque, ci ho letteralmente messo in una situazione peggiore perché dovevate continuare a spingere indietro il mutuo per prendervi cura di me. Abbiamo quasi perso tutto (DI NUOVO) e sarebbe stata tutta colpa mia!

Non sapevo cosa fare. Tuttavia, dopo che Dominic mi ha mostrato l'”Apollo Story” di Steve Harvey mi ha dato la speranza di continuare a spingere nonostante la nostra triste situazione. Ti ho chiamato il giorno dopo e ti ho detto: “Non ho più niente da perdere, voglio ancora andare a scuola di legge.”

La maggior parte delle persone mi ha detto di lasciar perdere per ora e rilassarmi. Ma hai visto lo sguardo nei miei occhi e sapevi che dovevo farlo. Il prossimo fine settimana hai letteralmente comprato e lasciato il mio materiale LSAT e hai detto: “Metti quel lavoro, non sprecare i miei soldi.”

Avevo la nausea 24 ore al giorno e ho dovuto continuare ad ascoltare i video motivazionali di Gary Vaynerchuk per farmi passare durante le sessioni di studio quando volevo mollare. Con il passare del tempo, letteralmente tutti dei consiglieri, professori e amici mi hanno consigliato di fare domanda a tutte queste scuole perché hanno detto: “Stai facendo domanda troppo tardi nel ciclo.”

Ma tu hai detto: “Non preoccuparti di candidarti Troppo tardi. Scommetti su te stesso.” Se non fosse stato per te e qualche altro, non sarei mai stato accettato ad Harvard, Columbia o alla facoltà di legge dell’Università della Pennsylvania. Ma ancora di più, non avrei mai concluso la chiusura di entrare nella mia scuola dei sogni della USC.

Ti metti in una professione dove la gente ti guarda dall’alto in modo che la gente potesse ammirarmi… Dimmi tu, come faccio a non ridere quando la gente dice che sono “fatto da solo?”

Direttamente in alto, io Non ce l’avrei fatta senza di te. E anche se i nostri problemi sono tutt’altro che finiti, vi prometto che rimarrò sempre nella lotta. Ti voglio bene, fratellone.

“Odiavo ogni minuto di allenamento, ma ho detto: “Non mollare. Soffri ora e vivi il resto della tua vita da campione” – Muhammad Ali

Sinceramente,

     Rehan Sujeewa

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato il 27 Luglio 2020
Categorie
AttualitàCategorieCuriositàGLobalMagazineMondoNews

Articoli correlati