Scosse sismiche durante la notte lungo costa meridionale: non ci sono danni né vittime

Stamani una scossa di terremoto di magnitudo 3.0 si è verificata al largo del Golfo di Salerno, seguita da un’altra più intensa ma più distante tra Calabria e Sicilia.

Oggi, poco prima delle 6:00 a.m, è stato avvertito un movimento sismico al largo di Salerno. Precisamente alle ore 5:52 una scossa, registrata dall’Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), si è verificata nel golfo della città di Salerno. Stando alle indicazioni dei sismografi, l’epicentro è stato indentificato a 16 km dalla località turistica di Castellabate, mentre l’ipocentro risiede a 34 km di profondità. L’intensità della scossa ha raggiunto magnitudo 3.0 ed è stata distintamente avvertita anche a Castellabate e Agropoli, suscitando lo spavento tra gli abitanti. Per fortuna non si è stimato nessun danno alle abitazioni e alle persone.

A seguire, un’altra scossa di terremoto, alle 6:25 stavolta decisamente più forte (3.7 di magnitudo) sempre nel Tirreno, ma tra la Calabria e le isole Eolie. Anche in questo caso nessun danno a case e abitanti, poiché fortunatamente l’epicentro era localizzato a 53 km da Messina e 64 da Reggio Calabria.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato il 27 Febbraio 2020
Categorie
AmbienteItaliaNews

Articoli correlati