Manfredi ministro dell’Università e della ricerca

Ne ha dato l’annuncio stamani, durante la conferenza stampa di fine anno il Premier Conte. Poi la telefonata inaspettata al Rettore dell’Unina: Manfredi sarà il nuovo ministro dell’Università e della Ricerca.

Durante la conferenza stampa di fine anno, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato l’assegnazione dell’incarico all’attuale rettore dell’Università degli studi di Napoli “Federico II”, nonché presidente della Conferenza dei rettori delle università italiane (Crui). La separazione dei due comparti di Scuola e di Università e Ricerca si rivela una giusta scelta, al fine di valorizzare entrambi i settori. Lucia Azzolina, siracusana di 37 anni, invece, sarà ministro della Scuola.

“Ricorderò questa mattina per tutta la vita” ha detto Manfredi, raggiunto dalla notizia mentre si trovava a Napoli, nell’aula magna dell’ateneo federiciano, per la firma di un’intesa con l’università Vanvitelli tra le due cattedre Unesco della Campania. Poi l’applauso dei colleghi e l’abbraccio con l’ex ministro Stefania Giannini. Il suo prossimo obiettivo è reperire fondi per l’incentivazione allo sviluppo e alla ricerca.

Un vanto dell’hinterland napoletano, dato che è nato proprio a Ottaviano, in provincia di Napoli. Manfredi è autore o curatore di 9 libri, e ha curato oltre 400 lavori scientifici pubblicati su rivista o presentati a congressi nazionali ed internazionali. Il neo ministro è stato, inoltre, coordinatore e responsabile di numerosi progetti scientifici finanziati dalla Comunità europea, dal ministero dell’Università e della Ricerca scientifica, dal ministero delle Attività produttive, dal Cnr, dall’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia e da aziende e centri di ricerca nazionali e internazionali.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato il 28 Dicembre 2019
Categorie
Area VesuvianaCampaniaCulturaNewsOttaviano

Articoli correlati